Malattie Croniche

Le malattie croniche si caratterizzano per il fatto di presentare sintomi che perdurano nel tempo, taltvolta in maniera costante e altre con fasi di remissione parziale e di riacutizzazione. Per queste malattie le terapie possono portare miglioramenti ma non sono risolutive. La malattie croniche possono essere tra loro molto diverse:
cardiopatie, ictus, tumori, diabete, malattie respiratorie, malattie neurologiche e neurodegenerative, disturbi muscolo-scheletrici, difetti di vista e udito e alcune malattie genetiche, solo per citare alcuni esempi. Possono anche essere di origine virale, come AIDS ed l'epatite.
Numericamente l’incidenza di queste patologie è di molto superiore a quella delle malattie rare.

Secondo l’OMS in Europa le malattie croniche provocano almeno l’86 per cento dei morti e il 77 per cento del carico di malattia.Per questo motivo la lotta alle malattie croniche rappresenta una priorità della Salute Pubblica, sia nei Paesi più ricchi che in quelli poveri. Di qui la necessità di investire nel controllo di queste malattie ma anche nella prevenzione. Le malattie croniche rappresentano anche un problema per la necessità di un diverso modello assistenziale dispetto alle malattie 'acute': le cronice prevedono, infatti, la presa in carico dei pazienti sul territorio e l'assistenza lungo tutto il decorso della malattia. In Italia l’incidenza sempre più alta delle patologie croniche ha portato le istituzioni a definire un Piano nazionale della prevenzione; a tal fine nel 2007 è stato approvato il programma ‘Guadagnare Salute’ che, in linea con una strategia comune europea intende promuovere una serie di progetti e iniziative di prevenzione e comunicazione sull'argomento.

Le malattie croniche in Italia danno diritto all'esenzione della partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie correlate.

 

Le ultime News sulle Malattie Croniche

Sclerosi Multipla, la terapia con alemtuzumab dimostra risultati a lungo termine

Cambridge, Mass. 12 settembre 2014 – Genzyme, Società del Gruppo Sanofi, annuncia nuovi positivi risultati relativi al secondo anno di estensione dello studio di alemtuzumab nella sclerosi multipla. Tra i pazienti che, negli studi clinici di fase III CARE-MS I e CARE-MS II, erano stati trattati con alemtuzumab mediante due cicli annuali - il primo all’inizio dello studio e il secondo 12 mesi più tardi - i tassi di recidive e l’accumulo della disabilità rimangono bassi.
Circa il 70% dei pazienti trattati con alemtuzumab negli studi pivotal non ha ricevuto alcun ulteriore trattamento durante il secondo anno di estensione dello studio e non si sono evidenziate nuove e diverse indicazioni sulla sicurezza del farmaco.
I nuovi dati su alemtuzumab sono stati presentati ieri durante il Congresso ECTRIMS (Commissione Europea per la Ricerca e il Trattamento della Sclerosi Multipla) a Boston.

Fri, 12 Sep 2014 14:04:57 +0000
Epatite C, farmaci che salvano la vita ancora indisponibili: non possiamo più aspettare!

I presidenti delle associazioni EpaC, Lega italiana per la lotta contro l'Aids , Nadir e Plus scrivono una lettera al Primo ministro Matteo Renzi

Entro il mese di settembre ci sarà un nuovo incontro tra Aifa, l'Agenzia italiana del Farmaco, e Gilead, la casa produttrice del farmaco, per la determinazione del costo delle terapie salvavita per l'Epatite C in Italia. La preoccupazione dei pazienti è alta, da tempo si trascina la contrattazione sul costo del Sovaldi (sofosbuvir), ora la richiesta, espressa con una lettera aperta, è che il presidente del Consiglio intervenga direttamente e prenda una posizione chiara, per salvare almeno 15/20.000 pazienti a rischio vita e poter curare subito altri 3/400.000 cittadini mono e co-infetti da Epatite C.

Thu, 11 Sep 2014 23:01:00 +0000
Sclerosi Multipla: nuove conferme per fingolimod

Secondo l’annuncio dato dall’Azienda farmaceutica Novartis sono ormai più di 100.000 i pazienti affetti da sclerosi multipla (SM) che, nel mondo, vengono trattati con fingolimod. Fingolimod è un farmaco assunto per via orale la cui efficacia e tollerabilità sono state dimostrate in diversi trial clinici.
Queste le parole di Carlo Pozzilli, Professore Ordinario di Neurologia, Sapienza Universita' di Roma e Responsabile del Centro Sclerosi Multipla, Azienda Ospedaliera S.Andrea di Roma: “Le evidenze sulla sua efficacia e tollerabilità sono consolidate e arrivano da studi clinici registrativi che sono in fase di estensione I risultati a dieci anni dimostrano che fingolimod è in grado di rallentare la progressione della malattia. La Risonanza Magnetica ha evidenziato la riduzione di nuove lesioni e il rallentamento del processo di atrofia cerebrale".

Thu, 11 Sep 2014 23:01:00 +0000
Sclerosi Multipla, costa 38.000 euro all'anno per paziente

Pubblicati i dati delle ricerche AISM, 2,5 miliardi la spesa complessiva

Un preciso studio patrocinato dall'Associazione italiana sclerosi multipla ha spiegato quante risorse deve impiegare il Sistema sanitario per il contrasto della malattia. Il costo medio annuo è di 38mila euro a persona a cui si sommano 15 mila euro di costi intangibili. Il costo sociale annuo per il 2011 è stato stimato di 2,5 miliardi di euro. Numeri contenuti in un articolo pubblicato dalla rivista internazionale Neurological Science.
La ricerca è stata condotta dalla Aism e dalla sua Fondazione in collaborazione con le Università di Genova, Pavia e Siena, ed è stato finanziata dal ministero della Salute.

Thu, 11 Sep 2014 07:15:05 +0000
Epatite C: arriva il sì dell’EMA alla commercializzazione di daclatasvir

Dopo il parere favorevole del giugno scorso, ora il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell’EMA ha approvato la commercializzazione di daclatasvir, farmaco impiegato in associazione con altri medicinali nel trattamento dell’infezione cronica da virus dell’epatite C, in tutti i 28 Stati membri della UE. Sviluppato da Bristol-Myers Squibb, il farmaco sarà messo in commercio con il marchio Daklinza e potrà essere utilizzato nei pazienti adulti con infezione di genotipo 1,2 3 e 4.

Tue, 09 Sep 2014 23:01:00 +0000
Leggi tutte le news...