Malattie Croniche

Le malattie croniche si caratterizzano per il fatto di presentare sintomi che perdurano nel tempo, taltvolta in maniera costante e altre con fasi di remissione parziale e di riacutizzazione. Per queste malattie le terapie possono portare miglioramenti ma non sono risolutive. La malattie croniche possono essere tra loro molto diverse:
cardiopatie, ictus, tumori, diabete, malattie respiratorie, malattie neurologiche e neurodegenerative, disturbi muscolo-scheletrici, difetti di vista e udito e alcune malattie genetiche, solo per citare alcuni esempi. Possono anche essere di origine virale, come AIDS ed l'epatite.
Numericamente l’incidenza di queste patologie è di molto superiore a quella delle malattie rare.

Secondo l’OMS in Europa le malattie croniche provocano almeno l’86 per cento dei morti e il 77 per cento del carico di malattia.Per questo motivo la lotta alle malattie croniche rappresenta una priorità della Salute Pubblica, sia nei Paesi più ricchi che in quelli poveri. Di qui la necessità di investire nel controllo di queste malattie ma anche nella prevenzione. Le malattie croniche rappresentano anche un problema per la necessità di un diverso modello assistenziale dispetto alle malattie 'acute': le cronice prevedono, infatti, la presa in carico dei pazienti sul territorio e l'assistenza lungo tutto il decorso della malattia. In Italia l’incidenza sempre più alta delle patologie croniche ha portato le istituzioni a definire un Piano nazionale della prevenzione; a tal fine nel 2007 è stato approvato il programma ‘Guadagnare Salute’ che, in linea con una strategia comune europea intende promuovere una serie di progetti e iniziative di prevenzione e comunicazione sull'argomento.

Le malattie croniche in Italia danno diritto all'esenzione della partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie correlate.

 

Le ultime News sulle Malattie Croniche

Celiachia: individuate reazioni anche nei confronti delle proteine non-glutine

Secondo uno studio pubblicato su Journal of Proteome Research gli individui affetti da celiachia, oltre a mostrare reazioni al glutine, sembrerebbero essere reattivi anche nei confronti delle proteine del grano non-glutine.
I risultati dello studio dimostrano, infatti, che la celiachia è associata ad una risposta umorale robusta diretta a uno specifico sottoinsieme delle proteine non-glutine del frumento.

Thu, 20 Nov 2014 23:01:00 +0000
HIV: Gilead ha presentato domanda di registrazione per il trattamento con tenofovir alafenamide

La società farmaceutica Gilead Sciences ha recentemente annunciato di aver depositato all’Fda la domanda di registrazione per il regime sperimentale a base di tenofovir alafenamide (TAF), trattamento rivolto ai pazienti adulti con infezione da HIV-1, naïve al trattamento.
Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Thu, 20 Nov 2014 23:01:00 +0000
Sclerosi Multipla: miglioramenti nella qualità di vita grazie all'uso di un analogo della vitamina D

Secondo i risultati di uno studio, pubblicati sulla pagina on line di Multiple Sclerosis Journal, le persone affette da sclerosi multipla (SM) mostrano un significativo miglioramento della qualità di vita e una riduzione della fatica correlata alla patologia, se trattati con l’alfacalcidolo, un analogo della vitamina D.
Leggi la notizia completa su Pharmastar.

Thu, 20 Nov 2014 23:01:00 +0000
Diabete di tipo I: risultati positivi per l'uso di ORMD-0801

Secondo uno studio realizzato negli Stati Uniti dall'azienda Oramed Pharmaceuticals la terapia insulinica per bocca, la cui sperimentazione è già stata avviata nei confronti dei pazienti con diabete di tipo II, darebbe buoni risultati anche nei confronti degli individui con diabete di tipo 1.
Lo studio, condotto negli Stati Uniti, è un trial randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo in cui si sono valutati prospetticamente la sicurezza e l'impatto di ORMD-0801 assunto prima dei pasti sulle richieste di insulina esogena in 25 pazienti con diabete di tipo 1 conclamato.

Thu, 20 Nov 2014 23:01:00 +0000
Epatite C: la Commissione Europea rilascia l'autorizzazione per l'immissione in commercio di Harvon®i

Gilead Sciences Inc. ha annunciato che la Commissione Europea ha rilasciato l’autorizzazione all’immissione in commercio per Harvoni® (ledipasvir 90 mg/sofosbuvir 400 mg), il primo regime basato su una sola compressa da assumere una volta al giorno per trattare la maggior parte delle infezioni da virus dell’epatite C cronica di genotipo 1 e 4 nei pazienti adulti. Harvoni combina l’inibitore di NS5A  ledipasvir (LDV) con l’inibitore analogo nucleotidico della polimerasi sofosbuvir (SOF), approvato dalla Commissione europea con il nome commerciale Sovaldi® nel gennaio 2014.

Thu, 20 Nov 2014 14:53:48 +0000
Leggi tutte le news...