Malattie Croniche

Le malattie croniche si caratterizzano per il fatto di presentare sintomi che perdurano nel tempo, talvolta in maniera costante e altre con fasi di remissione parziale e di riacutizzazione. Per queste malattie le terapie possono portare miglioramenti ma non sono risolutive. La malattie croniche possono essere tra loro molto diverse:
cardiopatie, ictus, tumori, diabete, malattie respiratorie, malattie neurologiche e neurodegenerative, disturbi muscolo-scheletrici, difetti di vista e udito e alcune malattie genetiche, solo per citare alcuni esempi. Possono anche essere di origine virale, come AIDS ed l'epatite.
Numericamente l’incidenza di queste patologie è di molto superiore a quella delle malattie rare.

Secondo l’OMS in Europa le malattie croniche provocano almeno l’86 per cento dei morti e il 77 per cento del carico di malattia.Per questo motivo la lotta alle malattie croniche rappresenta una priorità della Salute Pubblica, sia nei Paesi più ricchi che in quelli poveri. Di qui la necessità di investire nel controllo di queste malattie ma anche nella prevenzione. Le malattie croniche rappresentano anche un problema per la necessità di un diverso modello assistenziale dispetto alle malattie 'acute': le cronice prevedono, infatti, la presa in carico dei pazienti sul territorio e l'assistenza lungo tutto il decorso della malattia. In Italia l’incidenza sempre più alta delle patologie croniche ha portato le istituzioni a definire un Piano nazionale della prevenzione; a tal fine nel 2007 è stato approvato il programma ‘Guadagnare Salute’ che, in linea con una strategia comune europea intende promuovere una serie di progetti e iniziative di prevenzione e comunicazione sull'argomento.

Le malattie croniche in Italia danno diritto all'esenzione della partecipazione al costo delle prestazioni sanitarie correlate.

 

Le ultime News sulle Malattie Croniche

Aids e IST, compie 29 anni il Telefono Verde dell’ISS

Il 20 Giugno si è celebrato l’anniversario del Telefono Verde AIDS e IST dell’Istituto Superiore di Sanità: da 29 anni il Servizio, anonimo e gratuito, mette a disposizione un’équipe di ricercatori che assicurano interventi di counselling telefonico mirati alla prevenzione delle Infezioni Sessualmente Trasmesse (IST).

Thu, 23 Jun 2016 22:58:57 +0200
Parkinson: necessaria cautela nei confronti degli studi clinici sulle cellule staminali

Le nuove terapie per la malattia di Parkinson (PD) basate sull'impiego di cellule staminali si stanno ormai avvicinando alle prime sperimentazioni cliniche. Nello scorso mese di marzo, la società di biotecnologie International Stem Cell Corporation (ISCO) ha ufficialmente annunciato l'inizio di uno studio di Fase I progettato per valutare il trapianto intracranico di staminali per il trattamento di 12 persone affette da PD in forma moderata o grave. La notizia, oltre ad aver suscitato l'interesse e le speranze della comunità globale dei pazienti, ha spinto gli esperti del comitato internazionale Gforce-PD ad affrontare una serie di fondamentali problematiche etiche e scientifiche correlate alle prime indagini cliniche su questa potenziale opzione terapeutica per il Parkinson.

Thu, 23 Jun 2016 22:34:05 +0200
Dolore cronico, alcune cellule del sistema nervoso ne possiedono ‘memoria permanente’

Qualsiasi evento dannoso (un trauma, una lesione o anche l’infiammazione persistente dovuta a una patologia) lascerebbe una sorta d’impronta indelebile sul DNA di alcune cellule presenti nel sistema nervoso deputate a suscitare una risposta immunitaria. La scoperta è stata fatta attraverso una serie di analisi genetiche sui topi, effettuate da un gruppo di studio guidato dalla ricercatrice Franziska Denk, PhD conseguito all’Università di Oxford.

Thu, 23 Jun 2016 22:11:15 +0200
Trombosi, disponibile il primo sistema di automisurazione del PT/INR con tecnologia Bluetooth integrata

Ora disponibile nei paesi dove vige la marcatura CE IVD il sistema CoaguChek INRange di Roche: è il primo dispositivo per l’automonitoraggio del PT/INR (tempo di protrombina) con tecnologia Bluetooth integrata. Il dispositivo aiuta i professionisti della sanità e i pazienti ad avere un maggior controllo sullo stato della coagulazione, dando la possibilità di monitorare la Terapia Anticoagulante Orale (TAO) effettuata con farmaci  antagonisti della vitamina K (VKA), la quale costituisce lo standard di riferimento nella prevenzione e trattamento di molteplici condizioni cliniche causate da o ad elevato rischio di trombosi. L’automisurazione rappresenta un nuovo standard terapeutico, consentendo agli operatori sanitari di monitorare i dati di PT/INR dei pazienti da remoto, riducendo quindi le visite di questi ultimi presso il laboratorio.

Thu, 23 Jun 2016 22:09:32 +0200
Steatosi epatica non alcolica, BMI normale e allattamento al seno ne riducono il rischio

Un gruppo di farmacologi e gastroenterologi australiani ha esaminato l’associazione tra nutrizione infantile e successiva diagnosi di NAFLD all’età di 17 anni in una coorte, ben caratterizzata, di donne gravide e neonati. I dati dei partecipanti, raccolti in maniera longitudinale, sono stati analizzati per le associazioni con caratteristiche materne prima della gravidanza e durante la gravidanza, la tipologia di nutrizione nella primissima infanzia e successiva NAFLD.

Thu, 23 Jun 2016 22:01:39 +0200
Sclerosi multipla, diventare genitore è possibile anche per chi è affetto dalla malattia

Genitori si può, anche con la Sclerosi MultiplaLanciato in Italia un progetto di sensibilizzazione per combattere pregiudizi e paure su genitorialità e sclerosi multipla

Nata da un'idea del Centro per la Sclerosi Multipla (SM) della Seconda Università di Napoli e supportata dalla casa farmaceutica Merck, l'iniziativa 'Genitori si può, anche con la Sclerosi Multipla' racconterà, attraverso una mostra fotografica itinerante, l'emozionante storia di cinque coppie che hanno da poco avuto un bambino nonostante la presenza della malattia in uno dei due partner. Il progetto è partito il 14 giugno dalla città Palermo, dove il reportage fotografico rimarrà in esposizione presso il Palazzo delle Aquile (Piazza Pretoria, 1) fino al 20 del mese. La raccolta di scatti toccherà poi tutta la Penisola, trasferendosi a Napoli (23-30 giugno), Torino (5-18 luglio), Cagliari (20-27 settembre), Milano (ottobre), Monza (ottobre) e Bari.

Sat, 18 Jun 2016 15:47:51 +0200
La Federazione Alzheimer Italia entra a far parte della Federazione Cure Palliative

Tutelare la dignità del malato inguaribile e dei suoi familiari, rispondendo a necessità non solo mediche, ma anche di relazione, solidarietà e inclusione: è questo l’obiettivo delle cure palliative. Una necessità che non riguarda soltanto i malati oncologici, ma anche chi è colpito da una malattia degenerativa come l’Alzheimer, che attacca progressivamente le cellule cerebrali provocando quell’insieme di sintomi che va sotto il nome di “demenza”. Il declino progressivo e globale delle funzioni cognitive e il deterioramento della personalità e della vita di relazione, infatti, creano necessità non esclusivamente sanitarie e impongono un ruolo chiave alla famiglia nell’assistenza quotidiana.

Thu, 16 Jun 2016 22:15:42 +0200
Epilessia, effettuato al Meyer il primo intervento con il nuovo robot stereotassico

Firenze - E’ con una paziente di 17 anni con una gravissima forma di epilessia resistente ai farmaci che il Centro di Eccellenza di Neurochirurgia del Meyer diretto dal Dr. Lorenzo Genitori ha iniziato le applicazioni robotiche in Neurochirurgia. Il sistema robotizzato dedicato alla neurochirurgia stereotassica ha permesso di realizzare un intervento complesso di Stereoelettroencefalografia (SEEG) in modo rapido e sicuro: 7 elettrodi intracerebrali applicati in meno della metà del tempo che avrebbe richiesto un casco stereotassico tradizionale.

Wed, 15 Jun 2016 22:58:59 +0200
Sclerosi multipla, individuato il gene che potrebbe causare la malattia

La sclerosi multipla potrebbe avere una causa genetica ben definita: a dimostrarlo una ricerca effettuata da un gruppo di genetisti delle Università di Vancouver e del British Columbia e pubblicata di recente sulla rivista Neuron.
I ricercatori hanno infatti individuato una specifica mutazione a carico di un gene chiamato NR1H3 che causa la perdita di funzione del suo prodotto genico, la proteina LXRA. Questa molecola proteica controlla i livelli di espressione di diversi geni coinvolti nell'omeostasi dei lipidi, nei processi infiammatori e immunitari. Tale mutazione sarebbe presente solo in un malato di sclerosi multipla su 1.000, ma i ricercatori hanno osservato che anche altre varianti comuni dello stesso gene rappresentano un fattore di rischio per la forma progressiva della patologia.

Thu, 09 Jun 2016 22:37:46 +0200
Alzheimer, individuato specifico enzima come potenziale bersaglio molecolare

Nella malattia di Alzheimer (AD), placche di proteina beta-amiloide si accumulano nel cervello, danneggiando progressivamente le connessioni neuronali. Un team di ricercatori statunitensi della University of California San Diego School of Medicine e dell'Harvard Medical School, ha scoperto come l'attività di un particolare enzima, denominato protein-chinasi C alfa (PKC-alfa), risulti essere fortemente connessa al processo neurodegenerativo che caratterizza la patologia. I risultati dello studio, pubblicati di recente sulla rivista Science Signaling, sembrano indicare in questo enzima un nuovo potenziale obiettivo terapeutico per l'AD.

Thu, 09 Jun 2016 22:23:57 +0200
Leggi tutte le news...